Iscrizioni per l’anno scout 2014/2015

Le iscrizioni al gruppo scout FSE Vicenza 3 “Maddalene” saranno sempre aperte durante tutto l’anno, senza limiti di numero, tuttavia vogliamo informarvi sulla possibilità di poter pre-iscrivere i vostri figli in questi mesi estivi e prima dell’inizio delle attività (nel mese di settembre).

E’ SEMPLICE! Basta contattare i nostri capi unità tramite la loro mail o numero di telefono che trovate NELLA PAGINA DEDICATA “CONTATTI”.

COCCINELLE – LUPETTI  |   GUIDE – ESPLORATORI   

SCOLTE – ROVER

Manifesto per le iscrizioni 2014-2015

La pietra scartata dai costruttori è divenuta testata d’angolo

Immagine

Rispetto ad un semplice titolo recante un augurio, ho preferito citare il Salmo 117 che nella sua semplicità scardina ogni nostro schema mentale.

La pietra scartata dai costruttori

è divenuta testata d’angolo;

ecco l’opera del Signore:

una meraviglia ai nostri occhi.

Credo che, come molti altri passi incisivi, esso ci dia la misura dell’importanza della Resurrezione del Signore: il Figlio di Dio è stato ucciso ed è risorto, superando la morte e affermando che solo in Lui c’è la Via, la Verità e la Vita.

Buona Pasqua!

 

Impresa dell’Alta Squadriglia Aquile

L’Alta Squadriglia Aquile del riparto Duca degli Abruzzi ha partecipato all’attività annuale che raccoglie tutti i capi-squadriglia e vice-capi del distretto di Padova. Quest’anno, anche in vista dell’Eurojam, i ragazzi hanno preparato un’impresa che, poi, hanno provveduto a illustrare alle Alte Squadriglie degli altri riparti.

“Per l’impresa abbiamo scelto una tecnica che trovavamo distante da ciò che più ci riesce con facilità. Ci siamo quindi cimentati in un’attività natura!

IMGP0005

Nelle prime riunioni, precedenti l’uscita, abbiamo cercato di comprendere ciò che più ostacolava il nostro avvicinamento allo studio della natura, trattando questa tecnica e avventura come una perfetta sconosciuta.

IMGP0041

Abbiamo quindi deciso di creare un erbario, cercando di staccarci dall’idea del classico libro fatto di nomi e foto, bensì inserendoci solo le nozioni e le figure più rappresentative dell’elemento naturale studiato, trascurandone inizialmente il nome e fissandoci più sulle caratteristiche salienti e facili da ricordare.

Il nostro obbiettivo non era quello di saper catalogare le piante, ma saperne riconoscere le differenze, e imparare a memorizzarne gli elementi più semplici a cui spesso non facciamo caso.

Dapprima siamo usciti dalla grotta in cui abbiamo pernottato per renderci conto dell’ambiente che ci stava attorno e per cominciare a distinguere alberi diversi in base alle loro forme.

IMGP0063

La prima parte nel nostro erbario è infatti costituita da un disegno della pianta da conoscere. Un disegno, perché le linee semplici, disegnate da noi, avrebbero formato ciò che noi effettivamente ricordavamo della conformazione della pianta; inoltre, non avendo colori e sfondi l’occhio si sofferma soprattutto sulla forma.

Come secondo punto, abbiamo imparato a distinguere qualche pianta, toccando ad occhi chiusi la corteccia. Questa poi l’abbiamo ricalcata all’interno dell’erbario e, ove possibile senza creare danni, abbiamo inserito all’interno di una slide un pezzo di corteccia.

IMGP0034

Infine abbiamo preso qualche foglia, l’abbiamo inserita nella slide e poi l’abbiamo scomposta nelle sue varie caratteristiche, disegnandone con un tratto semplice e attraverso più schede, il tipo, la forma, la nervatura e la crescita.

In questo modo siamo riusciti a distinguere le prime quattro specie predominanti che abbiamo trovato, osservando quindi gli elementi ad uno ad uno, partendo dalla forma, dalla corteccia e dal colore e passando alle foglie ed agli eventuali frutti. Alla fine di tutto ciò abbiamo anche dedotto i nomi delle piante e trascritto a parole semplici e avvolte fantasiose ciò che eravamo riusciti a ricordare della pianta.

È stata un’impresa forte, diversa da ciò a cui eravamo abituati, che ci ha aiutato a confrontarci ed a saper descrivere quello che vediamo in maniera semplice e sintetica, con scritte e disegni.

La presentazione ad un’altra alta squadriglia è stato un bel momento che ci ha permesso di confrontarci e di imparare a conoscere le abitudini degli altri, prendendo spunto dalla loro esperienza per poterla, poi, riproporre all’interno delle nostre attività.”

“E’ stata una cosa ben fatta!”

Immagine

Buona Caccia a tutti quelli che rispettano la Legge della Giungla!

Il Branco Fiore Rosso del nostro gruppo ha appena concluso una caccia veramente fruttuosa!

Infatti, la scorsa Domenica 6 aprile 2014, ha partecipato all’annuale Caccia di Primavera di Distretto, riportando a casa il primo posto della sestiglia Neri, e le ottime posizioni della sestiglie Rossi e Pezzati:

COMPLIMENTI A TUTTI I LUPI!

 Akela e tutti i Vecchi Lupi sono veramente orgogliosi dell’impegno di tutti i ragazzi del Branco.

Che questa caccia sia d’esempio!

Lupi del nostro… MEGLIO!

Il Clan al Challenge!

logo

Lo scorso fine settimana si è tenuto, presso la località di “Isola dei Morti” a Moriago della Battaglia (TV), la fase di distretto del Challenge Nazionale 2014-2015.

IsolaDeiMorti-306
Un viale del parco dedicato ai Caduti della battaglia avvenuta a Moriago nel 1918

Due pattuglie del nostro clan hanno partecipato alla sfida, affrontando le varie prove che facevano innanzitutto riferimento agli scogli indicati da B.P. ne “La Strada verso il Successo”, libro cardine del Roverismo.

IsolaDeiMorti-312

Citando le parole del nostro incaricato di distretto di Branca Rover, Francesco Caffagni:

“ci piacerebbe pensare che fosse prima di tutto una gara verso noi stessi, per scoprire e superare i nostri limiti e conoscere la realtà che ci circonda e che B.P. ha voluto schematizzare nei cinque scogli della Strada verso il successo. Prepariamoci dunque alla sfida con la voglia di metterci in gioco, di vincere la competizione ma specialmente di vincere e superare le nostre difficoltà di uomini.”

E’ con questo spirito che la sfida continuerà, dunque, l’anno prossimo con la fase nazionale, nella quale le pattuglie vincitrici delle fasi di distretto gareggeranno per arrivare al primo posto. La classifica della fase di distretto, tuttavia, è ancora provvisoria: in occasione del Fuoco di Pentecoste, a maggio, le pattuglie dovranno affrontare la prova corrispondente allo scoglio dell’irreligiosità, attraverso un cortometraggio che dovranno presentare agli altri clan del distretto.

TO BE CONTINUED…

Consulta anche il sito del Challenge Nazionale al link:

http://scout.fse.it/challengenazionalerover/

Buon Compleanno, Olave e Robert!

Immagine

Ogni anno, il 22 febbraio, ricorre per le guide e gli scout del mondo intero un compleanno importante: quello di Robert Baden-Powell, fondatore del movimento scout e Capo Scout del mondo, e di sua moglie Olave, Capo del movimento mondiale delle Guide. In questa giornata tutti gli appartenenti al nostro movimento, dedicano un’attività, una chiacchierata, come anche un gioco al ricordo di queste due grandi personalità che hanno dedicato la propria vita agli altri, ed in particolare all’educazione dei giovani (e non solo).

E’ così che quest’anno il nostro gruppo ed il Vicenza 13 Agesci della vicina parrocchia di Santa Bertilla, hanno voluto condividere con spirito di fraternità scout un’attività in cui tutti i ragazzi di tutte le branche fossero impegnati: dalle Coccinelle e dai Lupetti, passando per Guide ed Esploratori fino ad arrivare alle Scolte ed ai Rover.

Dopo aver lanciato l’attività presso il patronato di Maddalene, ragazze e ragazzi di entrambi i gruppi scout si sono cimentati nella ricerca delle foto di un album di ricordi che Robert ed Olave avevano per errore perso sul loro cammino. L’attività si è conclusa presso il complesso parrocchiale di Santa Bertilla dove tutti quanti i partecipanti hanno preso parte alla messa prefestiva, insieme ai genitori ed alla comunità parrocchiale.

Le persone come vera ricchezza

Apertura 2010
Apertura 2010

Cominciamo dalle Persone. L’importanza delle persone in un gruppo  scout: dire che è basilare è poco. Per ogni Capo unità, oltre che per ogni scout,  i ragazzi (e in generale il Prossimo) devono essere al centro dell’organizzazione di ogni attività.

Dalla Coccinella e dal Lupetto, alla Guida e all’Esploratore fino alla Scolta e al Rover (e non dimentichiamo poi le Capo e i Capi) lo sguardo dev’essere rivolto alla crescita individuale, al superamento delle proprie difficoltà, dei propri blocchi, dei propri difetti (nei limiti del possibile), avendo sempre a mente un obbiettivo alto.

Le persone sono la ricchezza del gruppo scout perché senza l’impegno di ognuna di loro, non si creerebbe nulla di bello, di nuovo, non ci sarebbe miglioramento; se non mettiamo al centro le persone, rischiamo di creare un gigante senza cuore, una macchina che avanza ma che va verso la disgregazione. Bisogna vedere, dunque, nei ragazzi e nelle persone che ci stanno accanto il Meglio che c’è in loro per farlo affiorare e far sì che anch’essi possano a loro volta fare altrettanto. Tutto questo non è forse ciò che B. P. ha detto nel suo ultimo messaggio agli esploratori?

  Cercate di lasciare questo mondo un po’ migliore di quanto non l’avete trovato.

Il mondo è fatto di persone (oltre che di cose ovviamente) e se riusciamo a vedere o a  far affiorare in loro il Meglio è possibile che anche il mondo possa andare in meglio.

BP-006

Qui, tuttavia, dobbiamo fermarci un attimo.

Credo, personalmente, che molte volte citare questa frase (e tutte le belle parole che ne derivano) possa essere un esercizio vago e ipocrita se prima non s’incarnano (cioè se non si fanno propri) certi principi e certi comportamenti quotidiani. Se ci pensiamo è il problema dell’intera società che ci circonda: alle parole, molto spesso, non seguono i fatti.

uomo-megafono1-400x200

Giungono in nostro aiuto il primo versetto del Vangelo di Giovanni e  l’incipit del libro della Genesi da cui mi piace prendere spunto (senza alcuna pretesa di conoscenza: anzi!).

Eccone il testo:

In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.

Giovanni 1,1

In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu.

Genesi 1, 1-3

Che cosa c’entrano questi versetti con la ricchezza delle persone e con la citazione di B.P.?

Diciamo che c’entrano eccome! Nel Vangelo vediamo come Dio si mostra  coerente con sé stesso e con ciò che dice.

In latino “verbum, i” significa Parola.

“In principio era il Verbo,  il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.” Nel libro della Genesi vediamo ancora meglio come la parola che Dio pronuncia è fatto, è azione immediata: “Dio disse “Sia la luce!”. E la luce fu.

In Dio Parola e Azione (Fatto) sono pressoché la stessa cosa.

E per noi?

2012-01-02-cose-da-fare-per-il-2012

Quel che intendo dire è che se si vuole rendere il mondo migliore, bisogna incarnare il rinnovamento, il cambiamento POSITIVO. Se si vuole far affiorare il meglio dalle persone che ci circondano DOBBIAMO FAR AFFIORARE IL MEGLIO ANCHE (e PRIMA) DENTRO DI NOI: SEMPRE E DI CONTINUO. 

Questo è difficile.

C’è una sola persona che molto probabilmente ha saputo incarnare fino all’ultimo il cambiamento ed il rinnovamento: Gesù Cristo.

Ecco allora che se manca Gesù Cristo nel gruppo di persone, se manca quello spirito comune che spinge a rifarsi a ciò che lui ha detto o fatto, viene a mancare un forte sostegno a ciò che si fa, soprattutto nei momenti di difficoltà.

cordata

E’ questo, dunque, un invito a vedere le persone attraverso quelle finestre che ci apre il Vangelo: finestre che aprono su un modo di vedere la realtà NUOVO, basato sulla CARITA’ (che in latino significa AMORE). E’ con gli occhi della Carità che si riesce a vedere quel 5% di buono che è in ogni ragazzo. 

Allo stesso tempo bisogna agire su sé stessi, facendo corrispondere alle parole i fatti. Non ci riusciamo? Ci è difficile? Proviamo a cominciare dalle piccole cose! Poi potremo passare a quelle più importanti.

Cominciate col fare il necessario,
poi ciò che e’ possibile e all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile.

San Francesco d’Assisi

Guide e Scouts d'Europa – Maddalene

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.