Il Giubileo dei Ragazzi

Quest’anno papa Francesco ha indetto il “Giubileo dei ragazzi”, all’interno dell’anno giubilare straordinario dedicato alla misericordia, per consentire ai giovani che non possono andare a Cracovia di partecipare ugualmente ad un evento speciale. Il nostro distretto ha deciso di parteciparvi e di riparto ci siamo organizzati per questo evento di proporzioni a cui non eravamo abituati; ogni squadriglia si è organizzata per un’attività di raccolta fondi in modo da attutire il costo che, compreso di trasporti e pasti, avrebbe raggiunto quello di un campo estivo.

13087218_1054623254585857_8698742883427592838_o

Prima di partire ci siamo suddivisi tra i due riparti di Vicenza, poiché guide ed esploratori avrebbero alloggiato in un luogo diverso e quindi siamo montati su due differenti pullman. Il viaggio è stato molto stancante, perché erano circa otto ore di pullman e considerata la presenza di molti novizi anche un po’ stressante, ma alcuni di noi ne hanno approfittato per sfogliare il nuovo libretto delle specialità e intraprendere il percorso che avrebbe portato al compimento di alcune di esse. Arrivati a Roma siamo andati a riporre gli zaini in un padiglione della fiera di Roma, dove alloggiavamo, e poi siamo subito partiti alla scoperta della metropoli romana…

IMG-20160505-WA0004

Dopo un breve viaggio in treno siamo giunti a piazza San Pietro e ci siamo ricongiunti con l’altra metà del gruppo, poi ci siamo incamminati alla volta dello Stadio Olimpico dove la sera si sarebbe tenuto un concerto al quale dovevamo partecipare. Appena raggiunto il luogo abbiamo cenato e poi siamo entrati allo stadio, dove ad aspettarci c’erano più di 70 000 persone e una serata di musica e divertimento; poi siamo rientrati e ci siamo subito coricati, anche se, però, le luci del padiglione sono state spente molto più tardi.

La mattina ci siamo svegliati molto presto e, carichi di molte ore di sonno in meno, ci siamo diretti alla stazione ferroviaria per prendere un treno che ci avrebbe portato a piazza San Pietro; appena arrivati ci siamo diretti all’entrata e, con molta pazienza, siamo riusciti a passare tutti i controlli e abbiamo preso posto nelle sedie che erano a disposizione della nostra associazione. Dopo un’interminabile attesa e dopo il rosario è cominciata la Santa messa celebrata da papa Francesco che ci ha fatto riflettere sul tema del Giubileo che è strettamente legato a quello dello scoutismo e ci ha aperto gli occhi a cose a cui prima non facevamo attenzione o che non ritenevamo particolarmente importanti. Terminata la messa il nostro gruppo, il Vicenza 3, e l’altro gruppo della nostra città, il Vicenza 12, si sono diretti a Villa Borghese dove abbiamo consumato il pranzo e, dopo un gioco che ha messo a dura prova la nostra capacità di comunicare con persone che non conoscono la nostra lingua, abbiamo intrapreso un’attività a tappe: bisognava muoversi di riparto e seguendo un ordine prestabilito dai capi si doveva raggiungere le varie tappe e affrontare le rispettive prove; le tappe si trovavano sparse per Roma e riguardavano aspetti di cultura generale; topografia e pronto intervento; le prove, inoltre, andavano terminate in circa un paio d’ore. Noi non siamo riusciti a completare tutte le prove, ma abbiamo riscontrato che avevamo fatto ugualmente una prova in più degli altri. All’orario deciso ci siamo ritrovati tutti a Piazza Castel Sant’Angelo per cenare, e successivamente ci siamo diretti al padiglione della fiera per riuscire a dormire almeno qualche ora in più della notte precedente.

IMG-20160505-WA0007

Il giorno seguente è stato piuttosto tranquillo, abbiamo affrontato nuovamente il viaggio e una volta arrivati a casa, dopo il quadrato di conclusione, ognuno si è recato a casa.

Personalmente ho trovato questa esperienza affascinante e unica nel suo genere, mi ha permesso di riflettere, ma anche di accrescere il legame con la mia squadriglia. È stata un’esperienza di crescita e costruttiva sia nell’ambito scoutistico sia nella vita quotidiana.

Stefano Rizzo

Riparto Duca degli Abruzzi-Vi3

#Estate – Il campo estivo degli Esploratori (3)

CAMPO ESTIVO 2014

Quest’ anno siamo partiti il 9 luglio per andare a Valli del Pasubio, per fare l’annuale campo estivo. Il maltempo ci ha subito travolto: appena arrivati ha iniziato a piovere e poi a grandinare. Ma nonostante questo brutto tempo non ci siamo lasciati abbattere; infatti non appena lo scroscio più forte è cessato ci siamo spartiti i lavori: alcuni dovevano montare la tenda e altri la copertura.

IMGP2746 (FM)

Finiti questi lavori noi della squadriglia Orso ci siamo concertati su ciò che, oltre ad essere riuscito bene, è ciò che ci ha dato più soddisfazione: il tavolo. Infatti per quest’anno abbiamo deciso di preparare un tavolo esagonale con i pali piantati nel terreno e un piano cucina che partiva da un lato; al posto del classico quadripiede con i due tripiedi. Una particolarità di questo campo era che ogni giorno ci si ritrovava in un luogo e in un’epoca diversi.

IMGP2750 (FM) Circa a metà del campo siamo partiti per l’hike di riparto: siamo andati a malga Baffelan e abbiamo dormito in una keba; la mattina dopo l’alta squadriglia è andata sulla cima del Cornetto e il resto del riparto è sceso a valle per un’altra strada e, dopo esserci ricongiunti, siamo tornati al campo.

IMGP2990 (FM)

Tra gare cucina, grandi giochi diurni e notturni, hike individuali, il percorso di guerra e tante altre attività, siamo arrivati all’ultimo giorno di campo dove con nostra grande sorpresa abbiamo scoperto di aver vinto il campo; è stata una bella avventura e spero che lo sia anche il prossimo campo.

Lupo ambizioso

#Estate – Il Campo estivo degli Esploratori (1).

IMGP2945 (FM)Vi raccontiamo, con le parole di Matteo e di altri esploratori, l’esperienza del nostro ultimo campo estivo.      Buona lettura!

Campo Estivo 2014, località: Valli del Pasubio

RIPARTO ESPLORATORI DUCA DEGLI ABRUZZI VICENZA 3

Tema Campo: Tempus fugit

Valli del Pasubio è un comune in provincia di Vicenza. Il comune è situato sulla Strada provinciale 46 del Pasubio, che mettein comunicazione Vicenza con Rovereto. Noi eravamo in Contra’ Malunga che si trova sotto l’ossario del Pasubio.

Il Tema, “Tempus fugit” deriva da un’ espressione latina che nasce da un verso di un poema di Virgilio. La parola “tempo” rappresenta bene la nostra condizione.

E’ la scatola stretta dove tentiamo di stipare un’ infinita lista delle nostre attività. Tanto che, prima o poi qualcuno comincerà a domandarsi a che cosa serve scaricare duecento ore di musica, o trecento ore di film, quando abbiamo il tempo di ascoltarne e vederne appena la decima parte .

Il tempo ci è dunque stretto. Bisogna impiegarlo al meglio… Ma soprattutto bisogna usarlo per scoprire ciò che veramente conta nella vita… Ora e non domani!

IMGP2972 (FM)IMGP2825 (FM)

Durante il campo estivo abbiamo esplorato come i conquistatori spagnoli, combattuto contro eserciti di tutti i tempi e cucinato qualsiasi cibo.

IMGP3126 (FM)Ora vi racconto l’ uscita di Alta Sq. durante l’ HIKE di Riparto:

IMGP2938 (FM)Ci siamo divisi dal resto del Riparto, ai piedi del monte Cornetto, con l’ obiettivo di seguire il sentiero fino in cima e ritornare per pranzare con il resto del riparto. Arrivati in cima abbiamo scattato delle foto e ci siamo seduti ad ammirare il panorama: in un momento tutte le fatiche e gli sforzi sono stati ripagati da un’ immensa dose di felicità per aver portato a termine la nostra missione di Alta Sq. Scendendo abbiamo osservato una coppia di camosci che si arrampicava sulle rocce a strapiombo con immensa facilità. Raggiunto il resto del Riparto, abbiamo pranzato e raccontato la nostra uscita a tutti. Poi siamo ritornati al campo stanchi ma contenti.

IMGP2930 (FM)

Buona Caccia,

Alta Sq. Riparto Duca degli Abruzzi, Gruppo VI3 Maddalene

Impresa dell’Alta Squadriglia Aquile

L’Alta Squadriglia Aquile del riparto Duca degli Abruzzi ha partecipato all’attività annuale che raccoglie tutti i capi-squadriglia e vice-capi del distretto di Padova. Quest’anno, anche in vista dell’Eurojam, i ragazzi hanno preparato un’impresa che, poi, hanno provveduto a illustrare alle Alte Squadriglie degli altri riparti.

“Per l’impresa abbiamo scelto una tecnica che trovavamo distante da ciò che più ci riesce con facilità. Ci siamo quindi cimentati in un’attività natura!

IMGP0005

Nelle prime riunioni, precedenti l’uscita, abbiamo cercato di comprendere ciò che più ostacolava il nostro avvicinamento allo studio della natura, trattando questa tecnica e avventura come una perfetta sconosciuta.

IMGP0041

Abbiamo quindi deciso di creare un erbario, cercando di staccarci dall’idea del classico libro fatto di nomi e foto, bensì inserendoci solo le nozioni e le figure più rappresentative dell’elemento naturale studiato, trascurandone inizialmente il nome e fissandoci più sulle caratteristiche salienti e facili da ricordare.

Il nostro obbiettivo non era quello di saper catalogare le piante, ma saperne riconoscere le differenze, e imparare a memorizzarne gli elementi più semplici a cui spesso non facciamo caso.

Dapprima siamo usciti dalla grotta in cui abbiamo pernottato per renderci conto dell’ambiente che ci stava attorno e per cominciare a distinguere alberi diversi in base alle loro forme.

IMGP0063

La prima parte nel nostro erbario è infatti costituita da un disegno della pianta da conoscere. Un disegno, perché le linee semplici, disegnate da noi, avrebbero formato ciò che noi effettivamente ricordavamo della conformazione della pianta; inoltre, non avendo colori e sfondi l’occhio si sofferma soprattutto sulla forma.

Come secondo punto, abbiamo imparato a distinguere qualche pianta, toccando ad occhi chiusi la corteccia. Questa poi l’abbiamo ricalcata all’interno dell’erbario e, ove possibile senza creare danni, abbiamo inserito all’interno di una slide un pezzo di corteccia.

IMGP0034

Infine abbiamo preso qualche foglia, l’abbiamo inserita nella slide e poi l’abbiamo scomposta nelle sue varie caratteristiche, disegnandone con un tratto semplice e attraverso più schede, il tipo, la forma, la nervatura e la crescita.

In questo modo siamo riusciti a distinguere le prime quattro specie predominanti che abbiamo trovato, osservando quindi gli elementi ad uno ad uno, partendo dalla forma, dalla corteccia e dal colore e passando alle foglie ed agli eventuali frutti. Alla fine di tutto ciò abbiamo anche dedotto i nomi delle piante e trascritto a parole semplici e avvolte fantasiose ciò che eravamo riusciti a ricordare della pianta.

È stata un’impresa forte, diversa da ciò a cui eravamo abituati, che ci ha aiutato a confrontarci ed a saper descrivere quello che vediamo in maniera semplice e sintetica, con scritte e disegni.

La presentazione ad un’altra alta squadriglia è stato un bel momento che ci ha permesso di confrontarci e di imparare a conoscere le abitudini degli altri, prendendo spunto dalla loro esperienza per poterla, poi, riproporre all’interno delle nostre attività.”

EUROJAM 2014 – Variazione del Luogo di Campo

Riporto direttamente dal sito associativo http://www.fse.it il comunicato riguardante la variazione del luogo di campo per l’Eurojam 2014.

Eurojam2014-square

A seguito della decisione del prefetto locale, per motivi di sicurezza, non è stato autorizzato lo svolgimento dell’Eurojam a Metz.
La lunga attesa di questa autorizzazione finale aveva già stimolato la Pattuglia Logistica dell’Eurojam a individuare un altro sito in Normandia e ad avviare i contatti con le autorità locali, per preparare una soluzione alternativa.
A breve, pertanto, ci sarà comunicato ufficialmente quale sarà il luogo definitivo.
Lo spostamento del luogo di campo non modificherà di molto la struttura logistica già avviata e sviluppata. Anche la nostra Associazione sta lavorando per avere un nuovo piano di trasporto per tutti i riparti italiani.
Ci preme rassicurare tutti e in particolare le famiglie, che nulla cambierà  per i nostri Esploratori e le nostre Guide: l’adattamento del piano di trasporto non modificherà la quota di partecipazione già comunicata.
Organizzare un campo scout per oltre 10.000 persone, comporta grandi difficoltà e sta mettendo tutti noi e tutti voi di fronte a una grande prova.
Il nostro motto “ESTOTE PARATI” deve sempre guidare i nostri passi.

Calendario di Aprile

aprile

8 aprile

Direzione di gruppo
11 aprile

Riunione Capo Fuoco di Distretto
13/14 aprile

Uscita S. Giorgio Esploratori / Guide /Scolte Semplici di Distretto
14  aprile

Volo di Primavera di Distretto/ Caccia di Primavera di Distretto

27/28 aprile

Rupe nazionale Akela

27 aprile

Attività d’intereducazione tra cerchio e riparto guide

28 aprile

Uscita Cerchi

Calendario attività di Marzo

primavera

2     marzo         Uscita Cerchio Kalika a Valmarana

3     marzo         Caccia Consigli d’Akela di Distretto

2/3   marzo        Uscita Alte squadriglie di Distretto per le Guide;

Uscita riparto Duca degli Abruzzi e del riparto esploratori di Tavernelle

7    marzo           Riunione Akela di CF di Distretto

11   marzo          Direzione di Gruppo

14   marzo          Riunione Capi Riparto di Distretto

17   marzo          Uscita Formazione Capi di Distretto

20   marzo          Riunione Akela di Distretto

23   marzo          Uscita per festa dei Cerchi: il Cerchio Rosa dei Venti e il Cerchio Kalika si incontrano

24   marzo          Riunione Capo Riparto di Distretto

27  marzo           Campo Pasquale

27/28/29  marzo        Challenge di Distretto (Rover)

Calendario attività di Novembre

5 novembre

ore 21: Direzione di Gruppo.

7  novembre

ore 20.30: il Fuoco è a Treviso.

8 novembre 

ore 21:  incontro Akela e CCerchio di Distretto a Este.

10 novembre

ore 15,30:  Servizio per la S. Vincenzo in Parrocchia.

11 novembre 

ore 8.30:  uscita Riparti maschili di Tavernelle e Maddalene;

uscita Cerchio di Maddalene e Tavernelle;

uscita di Clan.

17 novembre
ore 15.30: caccia dei Branchi di Tavernelle e Maddalene presso il parco di Via Lago Maggiore a Tavernelle.

21 novembre

ore 21.00 incontro di Distretto Capi Riparto Esploratori

23 novembre

ore 21.00 incontro di Distretto Capo Riparto Guide

24 novembre 

ore 15.30:  servizio per la S. Vincenzo in città ad opera di Clan e Fuoco.

25 novembre 

ore 9.00:   autofinanziamento Riparto Guide e Fuoco.

Si riparte!!!!

…Ebbene sì! Tutte le unità hanno ormai svolto  le attività estive: le coccinelle sia di Tavernelle che di Maddalene hanno effettuato il volo estivo con soddisfazione, a Monte Magrè e a S. Pietro in Casale! Anche i due riparti esploratori e il ripato guide hanno vissuto l’avventura del Campo estivo in quel di Lorenzago, dove han avuto modo di conoscere gli scout di Zero Branco; addirittura l’Alta sq. guide ha trovato il modo di conoscere altri fratelli scout in Ghana grazie all’Afrika Jamboree svoltosi a fine luglio. Inutile dire che sono tornate entusiaste ed i loro genitori lo sono stati anche di più, grazie al clima che gli organizzatori han saputo creare. Il Fuoco ha svolto la propria route sull’Altopiano di Asiago e il Clan ha partecipato al C.Mobile nazionale sulle Dolomiti friulane, riportando a casa lo spirito di fraternità provato e nei cuori la bellezza dei panorami osservati. Ora, non appena saranno pervenute, verranno pubblicate le foto relative ad ogni attività. Intanto ci apprestiamo  a ricominciare ,  più forti e tenaci che mai!!!

Calendario di Aprile

Ecco le attività del mese :

  • lunedì    2: cena francescana AASSqq guide; veglia pastorale per il vicariato con AC e AGESCI a S. Bertilla ore 20.30
  • martedì 3: riunione Capi Riparto di Distretto a Rivadolmo
  • mercoledì 4 : partenza per il Campo pasquale Riparto E “Duca degli Abruzzi”
  • giovedì   5: partenza per il campo pasquale Riparto E di Tavernelle; ore 20.00 s. Messa per la lavanda dei piedi a Maddalene
  • venerdì   6: Via Crucis
  • domenica 15: Volo di primavera di Distretto
  • lunedì 16: direzione di Gruppo ore 20.30 in sede a Maddalene
  • sabato 21 e domenica 22: Caccia di Primavera di Distretto; S. Giorgio Guide; S. Giorgio Esploratori
  • giovedì 26 : riunione Akela di Distretto ore 20.50 a Rivadolmo
  • domenica 29: uscita Cerchio “Rosa dei venti” di Maddalene e del Cerchio “Kalika” di Tavernelle al Museo delle farfalle a Montegrotto